Posted by: tosstheboss | July 12, 2011

basta! ci siamo stancati di costruire aerei da turismo…..

Cari amici, come avete notato, non ci và di sprecare fiato ulteriore per un essere insignificante  come il nostro ……indefinibile. Colui che è, ma solo dalla puzza, ha vinto, su tutto.

Gli è permessa qualunque cosa, senza ritegno. Come dice qualcuno, il nostro sangiovannino non può più far finta di non vedere/sapere.

Peggio per lui, che vede l’orizzonte molto, molto vicino.

E tutto questo senza aver fatto un bieco ..azzo. Gli abbiamo dato mille occasioni di fare pulizia. NIENTE, nada, zero assoluto.

Se la vedrà lui con san pietro, quando lo farà marcire all’inferno  ( si, siamo agnostici ma non idioti: che altro aspetta coloro che sono rimasti schifosamente ignavi  di fronte ai soprusi, che hanno tappato ogni orifizio tranne uno, posteriore,  pur di non occuparsi di fare giustizia?)

La satira antisterkulea finisce probabilmente qui, ne abbiamo piene le scatole di sti kattolici  del cavolo che inghiottono particole mentre calciano le richieste dei loro dipendenti. AMEN

abbiamo solo una richiesta: l’ARGENTERIA sterkulea, che fa penosa mostra di sè in officina, è meglio metterla al sicuro. Fate fare all’ingegnere baffonico un ultima opera: una bella cassaforte dove riporre le sue costosissime e deprecabili stronzate utili solo per i cassonetti: Abbiamo pensato che la forma può essere solo quella funeraria, una cassa da morto: ci starebbero  tutte le sue incompetenze, tutta la sua ignoranza, stupidità e soprattutto la sua immensa arroganza. Insieme a tutti coloro che lo hanno protetto e coperto in tutti questi anni. Noi ora abbiamo solo schifo, una nausea senza fine. Ma siamo sicuri che lui avrà una bella ulcera perforata,  quando anche gli ultimi miserabili pesci si rifiuteranno di abboccare alla sua canna floscia. bleah!!

addio.

forse…….

Advertisements
Posted by: tosstheboss | August 10, 2010

buone vacanze a tutti. meno uno, ovviamente

Posted by: tosstheboss | August 2, 2010

IL GNOCCO è IN VACANZA

SPERIAMO CHE CI RESTI.

Posted by: tosstheboss | July 19, 2010

foetor sepulchrorum

MALGRADO I NOSTRI ACCORATI APPELLI, STERKOLE VEGETA ANCORA.

MALGRADO I GRAVI PROBLEMI DELL’AZIENDA, I BUBBONI NON VENGONO BRUCIATI. SIAMO DUNQUE IN LUTTO, TUTTI QUANTI.

CREDIAMO SIA LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA CHE LE GRAMAGLIE VENGONO ESIBITE A BARA VUOTA.

DOBBIAMO ACCONTENTARCI DEGLI SCHELETRI NELL’ARMADIO CHE DA TEMPO, TROPPO TEMPO, RISTAGNANO NEI CASSONI OFFICINALI BAFFONICI.

LA DOMANDA DA UN MILIARDO DI DOLLARI E’:

COME FANNO I NOSTRI PADRONI E DIRIGENTI A SOPPORTARNE ANCORA IL FETORE?

HANNO TUTTO CIO’ CHE SERVE PER SBATTERLO FUORI CON DISONORE, ESSO, CHE INIZIA A VOMITARE APPENA ENTRA DAL CANCELLO TALMENTE GLI FA SCHIFO L’OFFICINA E I SUOI ABITANTI.

ESSO, CHE NON PERDE OCCASIONE DI VESSARE E UMILIARE GLI OPERAI E DERIDERE GLI “ALTRI”.

 EPPURE, STA ARRIVANDO SERA ANCHE A CASA SUA. E DI CORSA, MOLTO DI CORSA.

AMEN

Posted by: tosstheboss | June 22, 2010

Tic Tac Tic Tac Tic Iac

Posted by: tosstheboss | June 17, 2010

Dagli annuci economici

AAA

per nota azienda Galtarossi di Lima:

cercasi essere umano per sostituzione di sterkole, che finalmente ci lascerà.

Requisiti minimi: a differenza del primate dimissionario,il successore dovrà avere prestanza fisica e bell’aspetto, appena poco oltre la soglia minima di povertà cui siamo abituati.

Intelligenza nella media (idem come sopra per tutte le voci seguenti).

Conoscenza della lingua italiana.

Saper leggere e scrivere.

Capacità di intrattenere buoni rapporti con gli operai.

Disprezzo per i leccaculo (senza virgolette).

Disprezzo per gli intrallazzi.

Apprezzamento per chi lavora e fa il suo dovere.

Disinteresse totale per i pacchi natalizi e le tangenti.

Amore per l’azienda e per il bene comune.

Capacità assoluta di farsi i cazzi propri e di non credersi un ingegnere facendo buttare all’azienda sacchi di denaro.

Non deve tentare di scoparsi le mogli dei subalterni con la scusa che ama il vino montresor.

Il nuovo caporeparto dovrà spazzare via , sin dal primo giorno,i leccagenti sterkoliani consunti da anni di frequentazione delle sue cavità anali.

Dovrà farsi assolutamente i kazzy suoi dentro gli spazi del suo recinto.

Dovrà cercare di rimediare il più possibile ai danni provocati in tre lustri molto poco lustri dal baffonico.

Dovrà cercare di risanare il rapporto dei bravi operai con l’Azienda facendo capire che lo sterkoideo agiva malevolmente solo pro domo sua.

Dovrà saper usare il computer per quello che è e non come un giochino per deficienti. Il mouse verrà ovviamente sostituito in quanto consunto inutilmente dall’enorme numero di vibrazioni untuose in manu sterkoli.

Gli addetti al movimento sono sacri e vanno trattati di conseguenza. Anche i carpentieri sono sacri, come pure i saldatori e i tubisti (tranne ovviamente i casi disperati che ci auguriamo facciano la stessa fine di sterkolezz).

Mai si dovrà dimenticare che il capo del personale è una persona ammodo e non ha bisogno di qualcuno che si arroghi, come accaduto finora, il diritto di maltrattare i dipendenti in barba alle direttive aziendali.

Il nostro kaprotty le palle le ha e non ha bisogno di koglioni, con baffoni o meno.

Data la grande esperienza del mustakkio sterkuleo, l’azienda concederà un lungo periodo per l’apprendimento di tutto quanto serve per mandare avanti il reparto al meglio.

Detto periodo, in affiancamento, potrà arrivare anche a due, dicasi DUE, giorni, ben sapendo che saranno effettivamente troppi. Ma meglio abbondare……

Un ultima dote fondamentale in possesso del candidato dovrà essere l’assoluta incapacità, congenita, di stressare le palle a chi lavora per il bene dell’azienda e quindi di tutte le persone di buona volontà.

Altri infami aspiranti padreterni saranno immediatamente defenestrati.

Le domande vanno presentate ENTRO E NON OLTRE IERI.

Ogni giorno che sterkole rimane qui è un altro triste giorno per tutti.

Grazie per l’attenzione da

presdent.lup.manngranding@speremochelavagadrita.amen

Sangiuanìn

Posted by: tosstheboss | June 15, 2010

Nervosetto?

Posted by: tosstheboss | May 20, 2010

della serie: L’ENNESIMA SCHIFEZZA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MA:      IL NOSTRO ODOROSO NON ABITA IN CITTA’ E IL NOSTRO SINDACO NON  E’ PER NULLA CONTENTO CHE REGOLARMENTE COSTUI PORTI LA SUA MONNEZZA NEI CASSONETTI DI GIULIETTA.

DA MOLTO TEMPO IL KARO STERKOLEZZO INONDA L’AMIA DEI SUOI RIFIUTI BUTTANDOLI NEL CASSONETTO APPENA FUORI DELL’AZIENDA.

UN NOSTRO CARO AMICO DIRIMPETTAIO LO HA IMMORTALATO PIU’ VOLTE NEL VIETATO GESTO E CI HA FINALMENTE PROMESSO CHE SE LO BECCA ANCORA MANDA LE FOTO ALL’AMIA E ANCHE AL SINDACO NONCHE’ AI GIORNALI LOCALI.

E’ UN DOVERE CIVICO, SIAMO ASSOLUTAMENTE D’ACCORDO.

SOLTANTO, NON VORREMMO CHE VENISSE ASSOCIATO AL NOME DELLA NOSTRA AMATA AZIENDA. IL NOSTRO SANGIOVANNI NULLA HA A CHE VEDERE COL SANGIOVANNI DAL QUALE PROVENGONO LE ORRIDE IMMONDIZIE STERKULEE.

SI PREGA IL CARO KAPROTTI DI AGGIUNGERE ANCHE QUESTA MALEFATTA AL KURRIKULUM STERKOIDEO E DI FARE CIO’ CHE DEVE: QUESTO INDIVIDUO OLTRE A LORDARE LA CITTA’ RISCHIA DI LORDARE PROPRIO L’IMMAGINE DELL’AZIENDA CHE LO INGRASSA DA TROPPI ANNI. GRAZIE

Posted by: tosstheboss | May 16, 2010

MOTIVAZIONI SERIE EPPUR TRAGICHE….

Cari amici tartassati,
sono Antonio, insegno materie umanistiche e filosofia del lavoro, qui è là.
Toss e gli altri defenestrati del blog sterkuleo mi hanno rotto così tanto le appendici che sono qui costretto a spendere due righe in favore dei derelitti officinali di tutto il pianeta, ferroviario e non.
Non posso non essere banale e perciò scadere nell’ovvio, ma da quanto mi si dice, le orecchie aziendali sono otturate. Di sangiovanni poi, manco l’ombra.
Azienda fugit?
Parrebbe di si.
In questi anni nessuno si è degnato concretamente di por mano alla questione, buttando a mare il bubbone virulento.
Io che posso fare?
Primo comandamento: NON ANNOIARE.
Secondo: parlare come mangiano gli schiavi.
Lo sono anch’io, ma per fortuna so bene di esserlo.
Terzo, sguainare la spada satyrica, ossia la cosa più ardua.
Vediamo:
mobbing, vessazione, crudeltà mentale e non solo, intimidazione, richiesta di collaborazione a livello di bieco servilismo, leccaculismo sfrenato, “tangenti” di varia natura…..
eccetera eccetera, fino allo sfinimento.
Tra di voi, miei cari, c’è qualcuno che non sa nemmeno di essere al mondo, e sa solo sopportare.
Qualcuno, andato da poco, lo ha fatto sulla sua schiena e sulla sua salute per quindici anni.
Tanti auguri, ma poteva ribellarsi. Magari prendendo la mazza, come già accaduto in passato, da uno con le palle quadrate. Di acciaio…..
Orbene, il concetto che qui espongo è di una semplicità oscenamente banale:
Chi tratta male gli operai a lui assegnatigli, tratta male l’Azienda.
Chi infierisce contro i più deboli, infierisce contro l’Azienda.
Chi sputa sugli esseri umani, sputa sull’Azienda.
Chi ne ha piene le palle dell’azienda, sputa, lorda e calpesta l’Azienda che lo mantiene.

Data la gravità della situazione, in continuo peggioramento per quel che mi viene riferito, non sono certo molte le cose da fare.
Forse che i vertici della proprietà ancora nulla sanno di ciò che avviene sotto il loro naso?
Apparirebbe impossibile, anche alla luce del fatto che il blog mi risulta essere attivo da oltre tre anni.
Connivenza?
Buonismo sfrenato oltre ogni immaginazione con il cattivo di turno?
Stupidità?
Ignavia?
Io non lo posso sapere.
Ma la proprietà non può e non deve ignorare che ogni giorno, ripeto, ogni giorno, l’essere di cui tratta il blog non perde occasione di sfogare la sua arroganza che a tutti gli effetti è una vera e propria violenza nei confronti di esseri che, per quanto umili, rimangono sempre esseri umani.
Nessuno può tollerare una situazione simile, in nessuna parte del mondo, in nessuna azienda per quanto infima. Prima o poi la ribellione assume i toni della violenza.
Ma qui siamo in un paese abbastanza civile, non nel terzo o quarto mondo.
Non lo siamo?
Mmmmm, a ben guardare, credo che chiunque avrebbe dei dubbi.
Il malvagio è sempre al suo posto.
Il Grande capo Penna Bianca, tace.
Colpevolmente, aggiungo io.
Forse che è diventato ateo?, forse che non è più il buon cattolico che in città veniva unanimemente riconosciuto?
Da ciò che si vede oggi, potrebbe essere.
Gli amici mi riferiscono che persino le tradizioni aziendali di antica memoria sono state smantellate.
E che i pompieri ammirano l’incendio da loro stessi provocato……….
Cui prodest?
Che succede?
Andiamo tutti in danimarca a sbronzarci di birra e frìtole?
Quello che farete al più piccolo di essi è come se lo aveste fatto a me!
Né più né meno.
Qualcuno si ricorda ancora di queste parole?
No?
eppure dovrebbe.
Il promemoria , esempio fulgido di chi è martoriato e vessato, è appeso ancora, qui e là, per non parlare di quello monumentale in mensa. E’ sempre la stessa storia, anche se proprio qui, tra le persone più pie della città, mai avrebbe dovuto accadere.

Mi devo fermare, non posso ripetere all’infinito ciò che chiunque è in grado di vedere.
Magari potrei citare Dante, lui di malfattori se ne intendeva.
E soprattutto sapeva come farli divertire, all’Inferno.
“Caro sangiovanni, se ci sei, batti un colpo.
Non è servito a nulla allevare kaprotti ferraresi cresciuti a momenthè, per non parlare degli altri esseri inutili che ti obnubilano l’orizzonte, nascondendo la Verità.
Meglio prendere la spada, quando è ora. E fare pulizia.
Prima che Colui-che-E’ impugni la sua e provveda personalmente.
Non manca molto, non credi? Meglio partire avendo sistemato tutti gli affari, soprattutto quelli che appariranno come opera buona.”

Se gli amici bloggers si aspettavano un trattato socioqualcosa, si sbagliavano.
Io da sempre mi occupo degli ultimi e non potevo smentirmi nemmeno qui, dove si cerca di sopravvivere alle angherie sorridendo, seppure amaramente.
Mi auguro, e auguro a tutti voi(tranne che agli infami leccagenti), che qualcosa di buono, finalmente, accada.
La sera arriva per tutti. E’ meglio essere pronti.
I luoghi di lavoro saranno sempre migliori senza esseri maligni come sterkole, in qualunque officina dell’universo.

Older Posts »

Categories